MENU

Nuova Opel Astra GTC

7 giugno 2011 • MARCHE, Opel

Opel presenta la nuova Astra GTC, versione coupè dell’attuale gamma Astra che debutterà a Settembre al salone di Francoforte. La sportività del modello è sottolineata da alcune scelte tecniche, come le esclusive sospensioni anteriori Hiperstrut (High Performance Strut) derivate dalla Insignia OPC, mentre al posteriore resta lo schema ad asse torcente con parallelogramma di Watt delle altre versioni Astra. Sulla GTC sarà disponibile anche l’assetto FlexRide a controllo elettronico con i settaggi Standard, Tour e Sport.
Disegnata per sottolineare lo stile aggressivo, la GTC non condivide nessun pannello di carrozzeria con la versione 5 porte, rispetto alla quale ha un passo più ampio di 10 mm, mentre le carreggiate aumentano di 40 mm all’anteriore e di 30 mm al posteriore. L’assetto è più basso di 15 millimetri rispetto alla hatchback, mentre i cerchi in lega da 18″ a 20″ sottolineano lo stile sportivo. L’abitacolo è comunque accogliente per 5 passeggeri e il bagagliaio offre una delle migliori capienze del segmento con valori compresi tra 370 e 1235 litri, mentre in abitacolo sono aumentati del 50% gli spazi portaoggetti rispetto alla coupè della precedente generazione. Secondo Opel, la GTC può valore il 20% delle vendite totali della gamma Astra a livello Europeo.
La gamma propulsori si articolerà su 3 versioni benzina ed un diesel, ma già a Francoforte saranno annunciate nuove versioni: per la più cattiva OPC dovremo invece attendere il 2012. Al momento del lancio l’unico motore a gasolio sarà il 2 litri CDTI 165 Cv e 380 Nm di coppia massima, abbinato al cambio manuale a 6 rapporti ed al sistema Start/Stop. A fronte di un consumo medio di 4,9 l/100 km e 129 g/km di CO2, questa versione tocca i 210 km/h e raggiunge i 100 km/h da fermo in 5,9 secondi. La gamma benzina è composta dal 1.4 Turbo in versione 120 e 140 Cv, con Start/stop e consumi medi di 5,9 l/100 km e 139 g/km di C02 ed il top di gamma 1,6 litri Turbo 180 Cv, grazie al quale la GTC può toccare i 220 km/h.

 

 

da autoblog


Articoli che potrebbero interessarti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

« »